fbpx

Digital Marketing. Incrementare il traffico sul sito con le notifiche push.

push notification

Le notifiche push: informare e agganciare il cliente.

Nella tua quotidianità da utente di internet ti sarà senz’altro capitata almeno una notifica. Le più note sono quelle di Facebook, che ti avvisano di un nuovo commento, video o contenuto dei tuoi contatti. Poi vi sono quelle del web, che ti segnalato a bordo schermo un nuova offerta o notizia proveniente da un sito che segui.

In quest’articolo ci focalizzeremo proprio sulle notifiche dei siti web, dette anche “notifiche push” o “web push“. E di come possono aiutarti a creare un legame fra te e gli utenti.

E non sono solo parole, ma dati alla mano: uno studio di Accengage dichiara che i tassi di opt-in (ossia, il consenso offerto dall’utente a ricevere notifiche) e di reazione a queste notifiche sono alti soprattutto in settori come le telecomunicazioni, il travel e il largo consumo. Sempre stando ad Accengage, le notifiche push sarebbero più efficaci dai device con sistema operativo Android rispetto a iOS. Questo perché le web push dei dispositivi con Android sarebbero corredate di link al sito e immagini, linee guida, etc.

Vantaggi delle notifiche push.

Mettiamo ora da parte i dati statistici per concentrarci sui vantaggi concreti offerti dalle notifiche push. E parliamo di vantaggi per l’imprenditore, non solo per l’utente.

Il primo, ovvio vantaggio è quello di raggiungere un pubblico in modo istantaneo. E più una campagna di notifiche è segmentata, ossia mirata a un target di pubblico ben definito per interessi, età, zona geografica, e altri parametri, più andrà a buon fine.

Il successo delle notifiche push sarà tanto più alto quanto le suddette saranno correlate di immagini, video, etc. e da un messaggio giusto che colpisca il target giusto.

Le campagne di notifiche push hanno altri due pregi: il basso costo in quanto i tools le fanno partire in modo automatico e la facilità di misurazione. In base a ogni notifica possiamo tracciare infatti il comportamento le abitudini di ogni utente e target.

Come impostare una campagna di notifiche push

La tracciabilità di ogni utente destinatario di notifiche push rende ancora più facile la strutturazione di una campagna di advertising, che dovrà tenere conto dei seguenti fattori:

  • dati anagrafici dell’utente quali sesso, età, area geografica di residenza, abitudini, valori, interessi, etc.
  • i suoi interessi e abitudini tracciabili in base al suo comportamento nel sito e nell’app da cui riceve le notifiche
  • informazioni rilevabili dall’ordine che l’utente stesso ha effettuato dal tuo sito o app
  • la posizione geografica dell’utente che permette di inviargli notifiche geograficamente localizzate
  • dell’atteggiamento stesso dell’utente verso la notifica, ossia se la apre o la chiude. Questo può offrire spunti sul come creare notifiche push più interessanti. Esse invoglieranno l’utente ad aprirla e ad entrare nel sito o app da cui essa proviene.

Per questa e altre ditte sul digital marketing seguiteci su Up2Lab!

Leave a Comment