fbpx

Consistency, la strategia per il successo

Il mondo del consumo odierno di certo non è come quello dove sono vissuti i nostri genitori e i nostri nonni e questo è un fatto incontrovertibile.

Diversi sono i fattori che hanno contribuito alla rivoluzione post-moderna e, il più evidente ed importante di tutti, è forse internet; basti pensare quanto sono cambiati i processi di acquisto, la trasmissione e la reperibilità di dati e informazioni.

Ovviamente questo cambiamento radicale del mondo del consumo non ha avuto una solo causa, altri fattori sono stati cruciali come l’evoluzione delle infrastrutture e dei mezzi di trasporto che ha reso disponibili prodotti e merci su scala globale con tempi di consegna e costi relativamente ristretti.

Una delle prime conseguenze di questa rivoluzione è stata l’incredibile espansione del mercato, ogni settore sembra essere intasato dalla concorrenza, rendendo sempre più complesso rendere la propria offerta diversificata rispetto agli altri player.

Ma cosa rende un sistema, un prodotto, un servizio di valore inestimabile rispetto ad un altro destinato ad accumulare polvere sugli scaffali (o sui server)?

Cosa ha reso Facebook, Whatsapp, Ninja Fruit, Just Eat dei veri e propri fenomeni culturali di massa rispetto a tutti gli altri che “ci hanno provato”?

 

Schermata 2017-04-03 alle 16.38.20

 

Budget? Competenze? Networking? Fortuna? Tutte risposte giuste anche se non possono essere considerate sufficienti per il successo.

C’è un elemento che, come il filo di Arianna per un giovane Teseo, conduce le aziende in salvo, lontano dal minaccioso labirinto del Minotauro, permettendogli di scegliere la strada giusta.

Ma cosa è questo filo? La risposta è Consistency!
La traduzione letterale del termine è costanza, coerenza, ed è proprio quello di cui ha bisogno un’azienda per poter emergere nel mare della competenza!

Ciò che le aziende devono fare è definire rigidamente mission e vision aziendale; bisogna sostanzialmente scegliere chi si vuole essere, come se il nostro brand fosse una persona!

È importante ricordare, come dice il “padre della comunicazione” Paul Watzlawick, che “non è possibile non comunicare, tutto ciò che esiste comunica”.

Dal layout del punto vendita al testo dei post su Instagram, dal contenuto delle mail ai clienti fino alla scelta dei caratteri del sito internet, ogni singolo elemento deve essere calibrato in modo da far arrivare a ciascun’audience obiettivo, il giusto messaggio nel modo più efficace ed efficiente possibile.

Non tutti i touch point aziendali, infatti, sono destinati alla medesima audience, chi preferisce acquistare online, ad esempio, presenta delle caratteristiche psico-grafiche diverse rispetto a quelle di un consumatore che, invece, acquista nello store.

Per intercettare questi diversi soggetti è necessario quindi differenziare la comunicazione, diversificandola non solo per il mezzo di comunicazione che viene usato (TV, Radio, Giornali, Social Network), ma anche per il media specifico che andremo ad utilizzare (Rai 1, Sky Atlantic, Fox Crime, DMAX) con due strategie chiamate rispettivamente Macro e Micro-Scheduling.

 

Schermata 2017-04-03 alle 17.01.06

 

Con queste nuove tecnologie dovrebbe essere più semplice per le aziende stimolare i consumatori e persuaderli all’acquisto, in realtà, grazie agli studi sul processo di acquisti, si è scoperto che i consumatori sono molto più attenti e difficili da convincere.

Oltre a questo diventa sempre più complesso e tecnico, per un’azienda, usare il communication-mix giusto per rompere le barriere che il consumatore frappone tra se stesso e gli stimoli di marketing.

Per questo motivo le agenzie di comunicazione risultano poco adeguate a sostenere le aziende nell’attività di co-creazione di valore.

Queste infatti sono più preoccupate nella realizzazione degli strumenti di comunicazione che al loro utilizzo e posizionamento strategico, lasciando spesso le aziende con una mole elevata di “contenitori da riempire” senza avere una produzione di contenuti sufficiente quantitativamente e qualitativamente!

Da questa esigenza, Up2Lab si pone come nuovo player nel mercato, ponendo come obiettivo principale la co-creazione di valore per le aziende attraverso la definizione di obiettivi da perseguire mediante la definizione delle strategie da adottare, valutando quelle che meglio si sposano con l’identità della vostra azienda.

 

Il mercato odierno può spaventare, ma noi, se lo vorrete, saremo li al vostro fianco, pronti per affrontare qualsiasi problema, con entusiasmo e voglia di CREARE!

Mattia CiancarellaJunior Marketing Specialist

Leave a Comment