fbpx

Digital Marketing: Link earning: 5 strategie per guadagnare link.

LINK EARNING

La link earning (cioè il guadagnare link spontanei al proprio sito) parte da un presupposto noto della SEO (Search Engine Optimization): se il tuo sito viene linkato da un altro sito influente che tratta le tue stesse tematiche hai più probabilità di arrivare in alto fra i risultati di Google.

Per essere linkati gratuitamente, o per dirla in gergo digital-marchettaro “in modo organico”, bisogna creare e pubblicare buoni contenuti. Articoli, infografiche e video utili, interessanti per la tua nicchia di pubblico, che comunichino agli utenti e ad altri portali del tuo stesso settore che tu sei un esperto del campo.

Tuttavia non basterà scrivere un buon contenuto e aspettare che i link piovano dal cielo. Bisognerà anzi integrare la link earning con la classica link building (ossia il chiedere esplicitamente a portali che trattano la propria stessa tematica di essere linkati dietro compenso) e con altri fattori tipici di una strategia di content marketing: il monitorare eventuali aggiornamenti dell’algoritmo dei motori di ricerca, il contattare influencer del settore (che vedremo in seguito a cosa serviranno), il curare l’effettiva qualità dei contenuti, etc.

Il nostro scopo è quindi informarti come mettere in piedi una strategia che se non farà decollare il tuo sito verso le prime posizioni di Google almeno migliorerà il tuo attuale posizionamento.

Partiamo quindi da questi 5 suggerimenti per un’efficace strategia di link earning che ti faccia guadagnare link e posizionamento sul web!

1. Scrivi contenuti lunghi e supportati da dati concreti

“Content is the king”, “il contenuto è il re” della tua strategia di link earning. Ormai è un dato comprovato che a posizionarsi meglio su Google siano gli articoli lunghi. Meglio ancora se i suddetti sono supportati da dati reali a sostegno di una tesi (magari con link esterni che puntino a ricerche e studi in merito).

Il successo degli articoli lunghi, che superano anche le 1000 o 2000 parole, non è tuttavia dovuto alla lunghezza in sé ma dal fatto di poter approfondire meglio il tema della keyword. O anche “delle keywords”, purché siano della stessa sfera semantica della parola chiave principale. Ad esempio, un articolo dalla keyword “content marketing” è legato a keywords secondarie come “scrittura dei contenuti”, “content strategy, etc”. Un altro suggerimento che ti diamo è di raccogliere nel tuo articolo tutte le informazioni in circolazione sull’argomento/keyword che tratta. In questo modo il tuo articolo diventerà un contenuto di importanza capitale a cui altri portali rimanderanno ovviamente con dei link.

Se invece il tuo articolo, per quanto lungo, esce fuori tema rispetto alla keyword o alle keywords da trattare il tuo posizionamento ne soffrirà. E con esso la tua content strategy e la stessa link earning.

Inoltre la lunghezza non è indispensabile per qualsiasi tipo di contenuto. Esistono infatti contenuti, come le interviste e le storie, che non devono superare per forza le 300 parole. L’importante, come abbiamo già detto ma non ci stanchiamo di ripetere, è la pertinenza rispetto alla keyword.

2. Crea engagement con contest e giveaway

Creare contest o giveaway è il modo migliore per coinvolgere l’utenza e crearti il tuo seguito di followers. Dopo aver pianificato il tuo contest/giveaway pubblicizzalo nei canali social o su qualunque piattaforma. Puoi anche chiedere agli utenti di pubblicizzare l’evento che hai in mente. Una terza, efficace via è annunciare il tuo evento su un sito specializzato in contest.

Un buon contest o giveaway tuttavia dev’essere trainato da un premio in palio. Esso può trattarsi di un tuo prodotto in edizione limitata, del lancio del tuo sito o negozio offline, di un buono da spendere in un tuo prodotto/servizio, di un viaggio, etc.

(linkare esempio di contest)

3. Intervista esperti del settore

Uno dei modi più semplici per creare relazioni è fare interviste ad esperti del tuo campo. Se pubblicherai l’intervista nel tuo sito gli esperti saranno felici di linkarla nel loro, più autorevole. Seguendo il principio del contenuto lungo, esposto nel punto 1, prepara domande che richiedano all’intervistato risposte elaborate.

4. Condividi contenuti personalizzati

Un altra categoria di contenuto che attrae link sul proprio sito è quella dei contenuti personalizzati. Esempi di contenuti personalizzai sono case histories di successo riguardanti la tua azienda o un tuo cliente. Esse sono una vetrina dei punti di forza del tuo prodotto o servizio. Un’altra alternativa è quella di pronunciarti su un tema controverso che riguarda il tuo settore. Aspettati una pioggia di critiche da parte di chi ti contesterà ma anche altrettanto engagement.

5. Metti a disposizione risorse gratuite

Le risorse gratuite, che i visitatori potranno scaricare gratis dal tuo sito, potranno offrire loro un saggio delle tue capacità. Quindi anche il potenziale del tuo prodotto o servizio. Tale risorsa potrà essere, ad esempio, un e-book o una versione gratuita del tuo software. Più la risorsa sarà documentata e con design pulito più ne gioverà l’autorità del tuo dominio

6. Inserisci infografiche

La gente tende a memorizzare le immagini più che le parole, per cui un contenuto imbattibile per trasmettere dei concetti sono le infografiche.

 

Comment ( 1 )

Leave a Comment