fbpx

Startup Marketing. Perché e come fare networking.

L’importanza del networking.

Il networking (da “network”, “rete”) è il fare rete, stringere relazioni che sono proficue a far crescere un business. Per fare impresa, specie negli ultimi anni, occorre accantonare la vecchia mentalità del “tutti contro tutti”. Il detto latino “homo homini lupus” (“l’uomo è il lupo dell’uomo”) deve lasciare spazio alla cooperazione fra imprese, alle partnership, in modo da affrontare le insidiose acque del mercato non da soli ma con flotte alleate.

Inoltre il networking è anche un ponte che collega imprenditori e professionisti affinché i primi possano reclutare i secondi nella loro azienda. I soli founders, infatti, possono avere competenze nello sviluppo del prodotto/servizio ma non competenze legali, commerciali, etc. Pensate al tipico piccolo team di programmatori di un campus che sanno progettare un sofware, magari innovativo e ricco di potenzialità, ma non sanno venderlo. In quel caso dovrebbero reclutare nella loro startup dei marketers o appoggiarsi a un’agenzia di marketing. Gli esempi potrebbero continuare, ma è meglio venire al dunque sul come fare networking.

Come fare networking.

Stringere relazioni è un arte, quasi un mestiere a sé stante. Per farlo non puoi prescindere dalle dritte che possiamo darti. Eccone alcune:

  1. Crearsi un database di festival, fiere di settore ed eventi a cui partecipare. Con la precisazione che più sono eventi in linea col settore e con la fase di vita della tua startup meglio è.
  2. Prima di partecipare a un evento calcola se il costo di partecipazione (fra biglietto di ingresso, viaggi, soggiorno, etc.) è sostenibile per la tua startup e se davvero vale la pena esserci
  3. Creare un pitch dal vivo e uno online in cui parli della tua startup. Occhio a non superare la durata di 7-9 secondi. Cerca di essere il più specifico possibile affinché giudici, intervistatori e investitori abbiano ben presente il tuo core business
  4. Preparare il proprio stand, le proprie brochure che illustrino la mission della tua azienda e i propri recapiti su dei biglietti da visita
  5. Interagire coi presenti, captare informazioni sui competitors, sui potenziali alleati, investitori o professionisti presenti all’evento.
  6. Rompi il ghiaccio della timidezza e mostrati socievole, interessante agli occhi dei presenti. Parla di lavoro ma anche di altri argomenti e dei tuoi hobbies
  7. Metti a tuo agio l’interlocutore e fai che parli di sé, si racconti. Perché essere socievoli, comunicativi, non deve mai scadere nell’autoreferenzialità
  8. Una volta che stringi un contatto fagli dei favori ma al tempo stesso richiedili indietro alla controparte. Il ciclo del dare e e ricevere dev’essere vantaggioso per entrambi. Quando chiedi un favore cerca di essere il più possibile conciliante e non far pesare la cosa mettendo l’interlocutore in imbarazzo

Leave a Comment