Startup Marketing. Perché partecipare a una startup competition.

Startup Marketing. Perché partecipare a una startup competition.

Perché partecipare a una startup competition: premi in palio.

Com’è intuibile dal nome, le startup competitions sono competizioni di startup. I premi in palio? Variano molto da un contest all’altro, tuttavia in genere si tratta di:

  • finanziamenti: per lo più a fondo perduto (o “grant”) che non prevedono da parte dello startupper vincitore alcuna restituzione in tassi di interessi. L’entità di questi finanziamenti, benché superi di poco i 10’000 €, è comunque un “carburante” sufficiente a dei business ancora neonati, le cui entrate e uscite sono ancora contenute.
  • servizi gratuiti: generalmente consulenze di business, messa a disposizione di spazi di coworking e/o incubatori di startup, addirittura periodi di formazione per gli startupper in Italia o all’estero. Un altro beneficio gratuito (sia perché è immateriale sia perché non ha prezzo) anche se non è un vero e proprio “servizio”, è la brand equity, ossia l’avere come mentore l’ente organizzatore del contest. Ciò, anche nel mercato, aumenta il prestigio della startup agli occhi degli investitori e ne permette di comprendere meglio il core business.
  • premi “ibridi” che comprendono per ciascun vincitore sia i finanziamenti che i servizi gratuiti.

Attenzione, però: come avverte l’Osservatorio HighTech del Politecnico di Milano, i contest che elargiscono premi in denaro sono in media solo il 48% del totale (stima fatta su un campione dei 153 contest più importanti d’Italia).

Altri vantaggi di una startup competition aldilà del premio.

directory-466935_1920

Il mancato ricevimento dei finanziamenti, tuttavia, non deve scoraggiare lo startupper. Una startup competition, anche quando non ha un monte premi in denaro, o quando non si sale sul podio del vincitore, è pur sempre un’occasione per:

  • fare networking con altre startup del proprio o di un altro settore e creare accordi di partnership vantaggiosi per entrambe le parti. Né i benefici del networking sono solo fra startuppers e startuppers, infatti è possibile stringere contatti con dei potenziali investitori che supporteranno la startup materialmente o anche solo con dritte che possono rivelarsi utili.
  • avere un ritorno di immagine grazie alla presenza dei giornalisti che, affamati di storie da raccontare, affollano i pala-congressi dei contest. Un’intervista da parte loro è un mezzo potentissimo per apparire in riviste di settore e raccontarsi al mondo. Altrettanto vantaggioso per la brand reputation di una startup è entrare in contatto con digital PR e influencers del settore
  • avere dei feedback da parte della giuria del contest i cui pareri, positivi o negativi che siano, instradano la startup verso il miglioramento della sua idea di business.
  • mostrare e/o testare il proprio prodotto di fronte a un’audience fatta di potenziali clienti e osservarne per la prima volta criticità e punti di forza.
  • entrare in contatto con degli esperti di marketing in grado di mettere a punto per la startup una strategia di marketing efficace con la quale affronterà il mercato.

Per questa e altre dritte su come avventurarsi nel mondo delle startup contattaci!

Leave a Comment